Smart City e Smart Grid, i vantaggi dell’integrazione

Smart City e Smart Grid, i vantaggi dell’integrazione

Parlare di Smart City e Smart Grid non è certamente facile, le tecnologie abilitanti e le più moderne piattaforme stanno già oggi cambiando il modo di vivere dei cittadini.
Di fatto, l’evoluzione continua della società moderna sta portando allo sviluppo di città e reti intelligenti che consentiranno una gestione totale dei flussi energetici e delle informazioni.
Sono già molte le città, anche in Italia, a fregiarsi del titolo di Smart City, soprattutto in virtù di un cambio di mentalità, dello sviluppo di progetti di ampio respiro e per la realizzazione di alcuni tasselli fondamentali che riguardano la parte “intelligente” della città.

Un agglomerato di edifici e servizi veramente smart include un'enorme quantità di variabili e abbraccia idealmente numerosi segmenti produttivi, industriali e civili. Alla base troviamo nuovi concetti per quanto concerne l’urbanistica e l’architettura, entrambi amplificati e messi al servizio della sicurezza e di una migliore qualità di vita dei cittadini. L’obiettivo è quello di realizzare conglomerati abitati estesi capaci di offrire servizi “a misura d’uomo”, facili da fruire e resi possibili tramite infrastrutture ad energia rinnovabile, sistemi ad alta efficienza e il minor spreco possibile.
Tutte le strategie che sottintendono le moderne Smart City includono un’attenta pianificazione urbanistica e l’ottimizzazione dei servizi pubblici, per una maggiore integrazione tra le differenti realtà e contesti.
In questo senso, l’aspetto tecnologico, va di pari passo con quello legato alla comunicazione, alla mobilità e alla salvaguardia dell’ambiente, in un mix che garantisca un accesso alle risorse per la totalità degli individui, limitando gli sperperi, di qualsiasi natura.
La fusione del capitale fisico, umano, intellettuale e sociale è il vero nucleo che movimenta ogni attività di costruzione delle città intelligenti. La città del futuro è perciò modulare, dinamica, rispettosa dell’ambiente e, allo stesso tempo, maggiormente competitività sotto il profilo di business e altamente ottimizzata per velocizzare e snellire ogni genere di attività.
Di norma, per individuare e classificare le Smart Cities è bene considerare sei elementi fondati, accomunati da una filosofia “intelligente”. Le città del futuro si sviluppano perciò seguendo le direttrici quali, economia, mobilità, ambiente, governance, vita e persone. 

Seguendo questo genere di approccio è possibile abilitare una crescita che tenga conto delle matrici regionali e urbane, sulle risorse naturali presenti, massimizzando la qualità della vita e coinvolgendo i cittadini nella vita della città stessa.
L’intelligenza, tipica dei nuovi progetti di città, passa obbligatoriamente da una superiore integrazione di ogni aspetto legati ai servizi e alle strutture, con il mondo ICT. Mettere in comunicazione differenti comparti consentirà di risolvere numerosi problemi della comunità e di attivare una estesa rete di servizi a supporto del cittadino, con e per le istituzioni.

Indice articolo