Acqua e aria per immagazzinare energia, i piani di Segula

Il sistema di accumulo è composto da una piattaforma flottante e serbatoi sottomarini.

Acqua e aria per immagazzinare energia

Ireena, IMT Atlantique e Cetim, guidati da Segula Technologies, sviluppano il progetto ODySEA: immagazzinare energia dalla compressione dell’aria è possibile.

L’obiettivo è quello di dimostrare che l’aria compressa può essere un metodo efficace per immagazzinare grandi quantità di energia. Il processo è in linea con i valori che guidano la transizione verso forme di energia più avanzate e sostenibili.
Stiamo parlando di una piattaforma sostenibile dal punto di vista dell’impatto ambientale e molto sicura. Inoltre, è in grado di accogliere grandi quantità di energia con impianti a elevata potenza.
Ad oggi, tuttavia, la diffusione di questo processo è stata impedita da fattori tecnologici ed economici.
In particolare, si devono affrontare importanti limitazioni termiche e meccaniche: la compressione riscalda l’aria in modo significativo e la decompressione la raffredda. Per questo motivo, la capacità storage delle soluzioni esistenti resta bassa, attorno al 40%.

Acqua e aria per immagazzinare energia

Acqua e aria per immagazzinare energia, i piani di Segula

Obiettivo del progetto ODySEA è quello di creare il primo impianto dimostrativo in grado di superare queste limitazioni grazie all’utilizzo di un principio idraulico. Prevede il pompaggio dell’acqua a riempire diverse camere di compressione, diminuendo man mano il volume dell’aria fino a raggiungere la pressione di immagazzinamento.

Questo evita che l’aria si riscaldi e al tempo stesso permette di elevare la capacità fino al 70% circa. Per ripristinare l’energia, l’aria è decompressa a temperatura costante nelle camere, spingendo l’acqua verso le pompe, che servono da turbine.

Il sistema di accumulo è composto da una piattaforma flottante che comprende tutti gli apparati di conversione e i serbatoi sottomarini collocati in fondo al mare che immagazzinano l’aria compressa.

Acqua e aria per immagazzinare energia

Tale piattaforma converte l’energia elettrica in aria compressa e viceversa, a seconda delle esigenze di consumo. La catena energetica riversibile che trasforma l’elettricità e l’aria compressa attraverso il processo Remora include di apparati elettrici ed elettromeccanici, turbine di pompe e camera di compressione. La piattaforma è connessa alla rete elettrica mediante un cavo sottomarino ad alta tensione e il serbatoio mediante tubi di aria compressa. Il progetto Remora è molto efficiente e il suo rendimento è del 70% superiore di quello di altri sistemi comparabili.